L’altalena dell’amore assieme al mio chef

Contenuti protetti da Copyscape

altalena

 

Qualche settimana fa venne a trovarmi una mia amica di vecchia data, con lei iniziammo a parlare dei vari giochi erotici che provava di tanto in tanto, assieme al suo partner. Mentre mi raccontava diverse storie, una in particolare mi colpì: l’altalena dell’amore.

In pratica si trattava di un’imbracatura che dovevo indossare restando appesa per diventare il giochino perfetto del mio chef. Così sempre più incuriosita da questo strano gioco decisi di comprare anch’io la mia altalena, scelsi un colore insolito, lo zebrato, che a me piaceva molto.

Ne parlai al mio caro chef e iniziai a spiegargli in linea di massima come funzionava. Lui il giorno stesso attrezzò camera da letto con i dovuti fori nel muro per ancorare l’altalena. Arrivò la sera e lui era molto voglioso di provarla, così salimmo in camera da letto ed iniziammo a sistemare il tutto, poi con il suo aiuto mi sistemai le cinghie dell’altalena ai polsi e alle caviglie. Una volta finita tutta la procedura iniziale, lui prese il sopravvento ed iniziò a baciare il mio corpo nudo. Partì dalle mie labbra fino ad arrivare alle caviglie. Io ero molto eccitata ed iniziai a godere, lui sentendomi così presa decise che era giunto il momento di penetrarmi e mettere in pratica l’altalena.

Iniziammo con una posizione abbastanza insolita, ero praticamente a testa in giù è lui da sopra il letto mi sbatteva con violenza, l’altalena compiva movimenti circolari che mi facevano perdere la testa, il mio chef iniziò a baciarmi il seno ed io sempre più presa decisi che era il momento di cambiare posizione. Mi posizionai a pecorina e lui decise che il mio ano doveva essere il prossimo ad essere penetrato, così in un batter d’occhio mi ritrovai a godere come una matta fino a quando tutto ad un tratto sentii un intenso calore sulle le mie parti intime, era quello che io chiamo “il succo dell’amore” che mi stava pervadendo tutta.

Qualche giorno dopo aver provato l’altalena dell’amore chiamai la mia cara amica, e le dissi cosa ne pensavo. Lei non fu sorpresa del fatto che mi fosse piaciuta, anzi mi disse che ne era sicura, ed io le chiesi il perché. Lei molto semplicemente mi rispose che se fosse piaciuto a lei, di sicuro sarebbe piaciuto anche a me, data la mia esagerata passione per i giochi erotici, ed io scoppiai in una grossa risata.

E se la vostra curiosità è come la mia, vi dico anche dove potete trovarla: eccola qui, fatene buon uso 😉

Contenuti protetti da Copyscape

©Copyright su tutti i contenuti del sito by Overlove Store

Info su di Roby

Capo Redattrice di Overlove Blog. Appassionata di Sex Toy e Burlesque, Roby è sempre attenta alle novità e alle nuove tendenze del mercato dei giochi per adulti.

5 Commenti

  • 4 lug 2016 | Permalink | Rispondi

    In awe of that anwrse! Really cool!

  • 20 lug 2016 | Permalink | Rispondi

    HAHAHAHAHAHAHAHASad me podseti na raspravu koju smo vodili kod tebe dal je receno da sam dosadan ili dosledan. Cak je Ore morao da premotava par puta emisiju. A bese i dobra tekila.

  • 4 nov 2016 | Permalink | Rispondi

    Firefox 3.5.16 | Windows XPmantap benar tool ini mas, blog ane bener2 hancur, sangat banyak warna merah nya..hehe. oya mas kira2 yang ini maksudnya apa yah “The website hasn’t passed the W3C Validation” gak ngerti, mohon pencerahannya ya mas.hehe thank’siskandaria Google Chrome 12.0.742.100 | GNU/Linux, oh kalau itu artinya halaman depan blog mas habibi belum lolos validasi HTML dari situs W3C. Firefox 3.6.17 | Windows XP, ooo gitu ya mas, thank’s ya :)

  • 9 gen 2017 | Permalink | Rispondi

    IMHO, one of the reasons for the general collapse of Catholic life was that for many years priests (and Catholics) learned the answers but never really understood the questions.And IMHO, one of the reasons that many of the laity have little clue about their faith is that dissidents are left to prate on about their opinions, unscathed by the identification they should bear.

  • 7 giu 2017 | Permalink | Rispondi

    Which Is More: Claimed Google Place Pages or Businesses With Facebook Pages — If you’ve been working in the local search space a lot, you’ve likely been running into this one a lot. What do you think? Matt McGee weighed in on it this week.

Commenta la notizia

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o fai un trackback dal tuo sito. Puoi anche seguire i nuovi commenti via RSS.

La tua email non sarà mai condivisa con nessuno. I campi obbligatori sono segnati con l'asterisco.